Le Dolomiti patrimonio dell’Umanità

Gran parte del territorio Orientale del Parco, il Gruppo dolomitico delle Pale di San Martino, il 29 giugno 2009 è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO assieme ad altri gruppi montuosi dolomitici situati fra Trentino, Alto Adige, Veneto e Friuli.

La mappa dei nove sistemi che compongono il Bene Dolomiti Patrimonio dell’Umanità, che coinvolge ben dieci aree protette

Alcuni straordinari luoghi del Parco hanno sicuramente costituito, per la Provincia di Trento, una risorsa significativa per la richiesta di dichiarazione delle Dolomiti “patrimonio dell’umanità”. Ricade infatti nel Parco una porzione consistente di una delle aree che costituiscono nel loro complesso il patrimonio.

Il Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino è Socio Sostenitore della Fondazione Dolomiti UNESCO, il soggetto che ha la responsabilità della gestione del Patrimonio.

Cos’è la Fondazione

Nel 2009 l’UNESCO ha iscritto le Dolomiti tra i Patrimoni naturali dell’umanità. Si tratta di un Bene complesso sia dal punto di vista geografico che amministrativo, composto da nove Sistemi ed esteso su 142mila ettari in 5 Province e 3 Regioni. Nel 2010 nasce, in accordo con UNESCO, la Fondazione, il cui compito è garantire una gestione efficace del Bene seriale, favorirne lo sviluppo sostenibile e promuovere la collaborazione tra gli Enti territoriali che amministrano il proprio territorio secondo diversi ordinamenti.

Per ulteriori approfondimenti potete visitare il sito ufficiale della Fondazione Dolomiti Parimonio dell’Umanità e il sito DOLOMITI Unesco della Provincia di Trento.

Condividi questa pagina