L’Ecomuseo del Vanoi

La Casa dell’Ecomuseo del Vanoi a Canal San Bovo, tel. 0439 719106, ecomuseo@vanoi.it , è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 12.30 dal 1 luglio alla seconda domenica di settembre, negli altri periodi è aperta con lo stesso orario dal lunedì al venerdì.

La Casa del Sentiero Etnografico a Caoria tel. 0439 710049 aperta dal 1 luglio alla seconda domenica di settembre. Posizione: 46°11’51.5″N 11°40’44.4″E (46.197647, 11.678985) vai alla mappa

Il Sentiero Etnografico del Vanoi è un viaggio nel tempo e nello spazio tra il paese di Caoria (850 m. slm) e la Malga Miesnotta di sopra (1879 m. slm) attraverso i percorsi tematici della Val, dei Pradi, del Bósc e della Montagna: gli ambienti umani e naturali che erano funzionali all’economia di sussistenza che dava da vivere alla comunità del Vanoi fino a circa 40 anni fa.

Il Sentiero Etnografico è il nome di un progetto ecomuseale ad ampio respiro che il Parco ha attuato – e gestisce in collaborazione con l’Ecomuseo del Vanoi – nel territorio di Canal San Bovo, nella frazione di Caoria e delle boscose valli che la sovrastano. Si tratta della Valzanca e Valsorda.

Lungo il Sentiero Etnografico sono trattati principalmente tre temi l’erba, il legno e la mobilità accanto ad altri quattro temi che sono l’acqua, la pietra, la guerra e il sacro. Temi che fanno del Sentiero un “viaggio nel tempo e nello spazio”.

I percorsi di visita principali, all’interno del Sentiero Etnografico, costituiscono quattro escursioni a tema, attraversando i luoghi che gli abitanti hanno animato, costruito e trasformato nei secoli con la loro attività.

Il primo itinerario, l’Anello della Val, ha come tema la vita stagionale in paese e la religiosità dei suoi abitanti. Il sentiero si snoda nel paese di Caoria, ricco di affreschi e sede del punto informativo Casa del Sentiero etnografico, e nelle sue immediate vicinanze, caratterizzate da terrazzamenti, orti e campi in gran parte rioccupati dal bosco.

Il percorso denominato Anello dei Pradi, che ha come filo conduttore la fienagione e la vita stagionale sui prati, prevede la visita a Prà de Madego, il centro visitatori che quest’anno ospita un allestimento dedicato alla fienagione e ai Pradi de Tognola. Qui è possibile osservare un nucleo insediativo unico nel suo genere, un tempo dedicato alla produzione del fieno. L’Anello del Bosc, è dedicato alla coltivazione e utilizzo del bosco mentre l’Anello della montagna, all’utilizzo dei campivoli, collocati uno sopra all’altro, in modo da favorire l’uso ottimale dei pascoli da giugno a novembre. Di particolare interesse la visita alla Risina di Valsorda, scivoli artificiali per il trasporto dei legnami e alla Siega de Valzanca, una segheria idraulica alla “Veneziana”, alimentata con l’acqua del torrente Valzanca, nata nel 1870 e recentemente ricostruita e messa in funzione dall’Ente Parco.

I percorsi e i Siti visitabili del Sentiero Etnografico – Ecomuseo del Vanoi: SIEGA DE VALZANCA – segheria veneziana a Ponte Stel BAR A LA SIEGA – punto di ristoro aperto da giugno a fine settembre PRADI DE TOGNOLA – gruppo di masi visitabili completamente in legno PRA DE MADEGO – allestimento sulla fienagione visitabile a richiesta ANELLO DELLA MONTAGNA – percorso delle malghe ANELLO DEL BOSC – percorso tra la segheria e la risina di Valsorda ANELLO DEI PRADI – percorso di visita ai masi ANELLO DELLA VAL – percorso di visita al paese di Caoria.

In autunno, inverno e primavera i siti sono chiusi e visitabili su prenotazione di gruppi.

www.ecomuseo.vanoi.it

Condividi questa pagina