L’Educazione ambientale del Parco guarda ai cambiamenti climatici

L'Educazione ambientale è una fra le principali missioni istituzionali del Parco perché con essa si trasmettono alle giovani generazioni la cultura all’ambiente naturale, l'attenzione alla biodiversità, il rispetto di tutte le forme viventi e l’importanza della loro tutela.

Per gli istituti scolastici presenti nei Comuni del Parco i progetti si svolgono sia in classe che sul campo mentre per tutte le altre scuole il Parco propone visite tematiche di una giornata presso i diversi settori del Parco (Foresta di Paneveggio, Val Canali, Valle del Vanoi, San Martino di Castrozza) ma anche soggiorni di 2 o più giorni per vivere un’esperienza unica immersi nella natura del Parco. Le attività sono condotte quasi interamente all’aperto e consistono in escursioni guidate, osservazione e rilievi sul campo, scoperta e immersione nella natura, visita ai Centri visitatori e attività nei laboratori didattici.

Già da qualche anno il Parco ha a cuore le tematiche sui cambiamenti climatici e tra le numerose proposte diversi sono i progetti che riguardano questo importante tema che sarà al centro, a novembre, della COP26 di Glasgow. Qui puoi consultare il Rapporto dell’Ipcc delle Nazioni Unite.

Alcuni di essi sono specifici e approfondiscono proprio le cause dirette dei cambiamenti climatici come l’effetto serra e suggeriscono comportamenti sostenibili: Cambia il clima che cambia! è rivolto alla quinta classe della primaria e alle classi della secondaria di primo grado delle scuole provenienti da tutta Italia mentre Il clima che cambia e C’erano una volta i ghiacciai: il clima che cambia è per le scuole locali; altri toccano l’argomento in maniera più indiretta qualiL’impronta ecologica, concetto che prevede la misura del consumo di risorse per capire quanto “pesa” ciascuno di noi sulla terra con il suo stile di vita, e, ancora, Che aria tira? Ce lo dicono i licheni, Ecosistemi e bioindicatori, Zone umide tesori da scoprire e conservare,Il Parco: un tesoro di biodiversità e, infine,La Citizen Science per acquisire un metodo di studio e di monitoraggio della biodiversità.

Qui puoi conoscere le Attività didattiche del Parco

Potrebbero interessarti anche queste notizie:

Condividi questa pagina