Vai al contenuto Vai al menu Vai al menu delle pagine Vai al menu di sezione
Dolomiti Unesco World Natural Hertage
Home » News » Le nuove stazioni ricarica E-Bike nel Parco
 

Le nuove stazioni ricarica E-Bike nel Parco

News di venerdì 13 luglio 2018

Il Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino ha realizzato sei nuove stazioni di ricarica E-Bike.

Il progetto è stato realizzato su delega del Servizio Sviluppo Sostenibile e Aree Protette della Provincia autonoma di Trento, all'interno di un quadro di pianificazione provinciale volta a sviluppare questo settore turistico del green e del Progetto TurNat-turismo natura, vista la sempre più diffusa presenza e utilizzo di mountain-bike a pedalata assistita.

"È un ulteriore e significativo tassello nell'ambito della mobilità sostenibile - sottolinea il Presidente del Parco, Silvio Grisotto - ambito nel quale il Parco sta svolgendo un ruolo molto importante, facendo rete con i soggetti istituzionali, sociali ed economici, anche con proposte progettuali e di valorizzazione un po' diverse da quelle classiche, tenendo comunque sempre fede a quella che è la sue ‘mission' istituzionale principale ossia la conservazione della natura, degli habitat e delle specie. In questa prospettiva le ‘buone pratiche' che il Parco attua nel campo della mobilità sostenibile come le navette estive e la mobilità elettrica, costituiscono una risorsa per l'offerta di servizi e nel contempo una opportunità per la promozione del territorio sotto il profilo di un turismo sostenibile".

Le nuove stazioni di ricarica sono state posizionate lugo il percorso escursionistico per mtb Caoria - Paneveggio, nel Vanoi presso l'Osteria alla Siega a Ponte Stel e il Rifugio Refavaie; a San Martino presso la Malghetta Tognola e Malga Ces; a Passo Rolle Val Venegia presso Capanna Cervino e Malga Venegia.


Questi siti corrispondono a malghe o rifugi allacciati alla rete elettrica; sono sia di proprietà pubblica che privata che forniscono la corrente elettrica consumata per le ricariche, secondo una apposita convenzione.

"Per ogni bacheca - spiega Gino Taufer, Responsabile dell'Ufficio Tecnico del Parco - è stata prevista la presenza di sei vani dotati di un sistema di chiusura a chiave che deve essere richiesta al gestore del locale. Questo permette all'utente di allontanarsi dalla propria batteria durante la fase di ricarica utilizzando in libertà il proprio tempo di attesa".

Appositi pannelli, collocati presso le nuove stazioni di ricarica, riportano le istruzioni per l'utilizzo e la mappa delle posizioni delle diverse stazioni sul territorio.