Vai al contenuto Vai al menu Vai al menu delle pagine Vai al menu di sezione
Dolomiti Unesco World Natural Hertage
Home » Comunicazione » La bolp
 

La bolp

È un antico gioco di origine nordica che si trova per la prima volta descritto in una saga islandese del XIV secolo. Il meccanismo di gioco costituisce una singolare variante di un gioco di cattura conosciuto sotto diverse denominazioni quali 'la volpe e le galline', 'la volpe e le oche', 'la volpe e i mastini'.

Diffuso in diverse aree del Trentino che in passato ebbero rapporti con le popolazioni germaniche (tra queste la val dei Mocheni), è stato rintracciato da Roswita Asche, dipinto su una tavola di legno di un vecchio fienile nell'Ecomuseo del Vanoi vicino a Caoria. Si tratta, con ogni probabilità, di una eredità della presenza di maestranze tirolesi legate alle miniere e all'industria del legno.

Di qui la sua riproposizione nelle mostre sul Fiume di legno e nel relativo catalogo curati dal Parco negli scorsi anni; nel 1997 Daniele Gubert realizzava una riproduzione informatica del gioco per Windows, che oggi viene finalmente valorizzata con una versione giocabile sul World Wide Web.

Regole del Gioco - versione informatica

  • Giocatori: in questa versione della Bolp, il giocatore tiene le galline ed il computer le volpi.
  • Caratteristiche del movimento: - le galline muovono un passo alla volta, da una intersezione a un'altra, ma solo in avanti, di lato o in diagonale a sinistra o destra. - per spostarle occorre fare click su di esse, trascinare il mouse fino ad una posizione valida (l'instersezione si illuminerà), quindi rilasciare il bottone (drag 'n drop).
    Le volpi muovono anch'esse di un passo ma in tutte le direzioni e possono mangiare le galline saltando al di sopra di esse quando sia libera l'intersezione retrostante posta in allineamento con la volpe. È anche possibile e obbligata la cattura di più galline con una serie di salti concatenati (come a dama). Importante: le galline non possono mangiare le volpi.
  • Fine del gioco: le galline vincono se riescono ad occupare le nove intersezioni del quadrato superiore del tavoliere (zona che si dice 'stalla') o se riescono a bloccare le volpi in ogni movimento. Le volpi vincono se riescono a mangiare almeno 12 galline.
  • Nota: le intersezioni della "stalla" non costituiscono punti franchi e quindi anche qui le volpi possono mangiare le galline (sempre che ciò risulti possibile).

Regole del Gioco - versione 'mochena'

  • Numero di giocatori: due
  • Materiale di gioco: il tavoliere, due volpi (fagioli rossi - borlotti) e venti galline (fagioli bianchi - cannellini)
  • Disposizione iniziale: le due volpi in V e V1 [le soglie della stalla], le galline sulle venti intersezioni dalla mezzeria del tavoliere in giù, dalla parte opposta alle volpi. Un giocatore tiene le volpi, l'altro le galline.
  • Caratteristiche del movimento: le galline muovono un passo alla volta, da una intersezione a un'altra, ma solo in avanti, di lato o in diagonale in avanti. Le volpi muovono anch'esse di un passo ma in tutte le direzioni e possono mangiare le galline saltando al di sopra di esse quando sia libera l'intersezione retrostante posta in allineamento con la volpe. È anche possibile e obbligata la cattura di più galline con una serie di salti concatenati (come a dama).
  • Importante: le volpi sono obbligate a mangiare le galline, mentre le galline non possono mangiare le volpi. Se per caso una volpe si dimenticasse di mangiare una gallina, verrà soffiata e accantonata: sarà restituita solo quando l'altra volpe avrà mangiato una gallina. Allora la volpe soffiata verrà messa nella posizione in cui era quando fu soffiata. Se tale posizione fosse occupata da una gallina, questa verrà mangiata. Questa mossa di rientro esaurisce però il turno di gioco delle volpi e quindi toccherà giocare alle galline. Anche la soffiata esaurisce il turno di gioco delle galline.
  • Fine del gioco: le galline vincono se riescono ad occupare le nove intersezioni del quadrato posto a monte di V - V1 (zona che si dice "stalla") o se riescono a bloccare le volpi in ogni movimento. Le volpi vincono se riescono a mangiare almeno 12 galline.
  • Nota: le intersezioni della "stalla" non costituiscono punti franchi e quindi anche qui le volpi possono mangiare le galline (sempre che ciò risulti possibile).

Considerazioni finali e consigli di gioco

Se le galline si muovono con calma e metodo, pur con qualche sacrificio di galline Kamikaze che nella fase finale vanno offerte alle volpi per dirottarle dai punti nevralgici, normalmente vincono. Per questo è possibile, dopo aver preso dimestichezza con il meccanismo di gioco, ridurre le galline a 18 (e anche meno in seguito) non mettendo in campo le due d'angolo dell'ultima fila.

Le volpi devono cercare di creare la situazione detta occhiali ossia, come a dama, inserirsi tra due galline mangiabili in modo da essere certi di mangiare al successivo turno almeno una di queste.

Date le caratteristiche del gioco in cui il ruolo attivo spetta alle galline e alle volpi solo quello di contrastarne l'azione, è opportuno che ogni partita si componga di due manches a ruoli alternati attribuendo la vittoria in caso di parità a colui che sarà riuscito ad occupare la stalla con il minor sacrificio di... pennuti!
[Info sul gioco a cura di Giuliano Fiorito]

Gioco della bolp

Gioco della bolp

€ 15,00 -