Vai al contenuto Vai al menu Vai al menu delle pagine Vai al menu di sezione
Dolomiti Unesco World Natural Hertage
 

Il Castelaz

Vi sono in Val Venegia altri aspetti interessanti. La Costazza e la zona di Cima Valles (o Venegia) sono celebri per le ricche fioriture delle praterie alpine, come quella della rarissima genzianella di Carinzia (Lomatogonium carinthiacum), a fioritura tardiva in settembre.

Ma soprattutto va ricordato il Castelaz, famosissimo tra i botanici fin dal secolo scorso. È una sorta di "montagna in miniatura": in un rilievo piuttosto modesto, infatti, sono rappresentati ambienti molto diversificati.

Tutt'attorno c'è una corona di pareti rocciose, ai cui piedi, distribuita più o meno regolarmente, si trova una fascia di ghiaione. L'altipiano sommitale è ondulato e interessato da alcuni filoni basaltici e da aree a deposito di humus e decalcificate. Non vi crescono quindi solo piante tipiche del substrato calcareo-dolomitico, ma anche delle zone silicee.

Sulle rupi sono diffuse le due specie endemiche più caratteristiche della parte calcareo-dolomitica del Parco: la primula tirolese (Primula tyrolensis) a fioritura precoce e Campanula morettiana a fioritura più tardiva. Entrambe crescono anche in altre parti del Parco: per esempio in Val Canali sulle rupi esposte a nord di fronte all'omonima malga, situate a una quota di soli 1300 metri dove, ovviamente, fioriscono prima che sul Castelaz.